La “narrazione” filo conduttore di Rivolimusica

Classica, jazz, musica etnica, con produzioni nuove e contaminazioni artistiche

Rivolimusica, la stagione musicale dell’Istituto Musicale “Giorgo Balmas” e della Città di Rivoli, presenta in questa edizione, la 17esima, un cartellone con trenta appuntamenti, tra musica classica, jazz, etno/popolare, contaminazioni artistiche e nuove produzioni. I concerti si snodano tra l’auditorium dell’Istituto Musicale, il castello, la biblioteca “Alda Merini”, la chiesa di Santa Croce, Maison Musique, e oltre i confini della città, alla Lavanderia a Vapore di Collegno e nei comuni di Avigliana, Villarbasse e Buttigliera Alta.

Andrea Maggiora
Andrea Maggiora

Sottolinea il direttore artistico Andrea Maggiora:

La Narrazione è il tema trasversale ai programmi e ai pubblici: “narrazione” sono le Musifavole recitate da Enrico Dusio sulle note dei bambini del coro Ri Voices; la “narrazione” è anche protagonista dei testi creati da Paolo Cascio per i programmi musicali concepiti in forma di Racconcerti, come “narrazioni” sono pure gli incontri tra i musicisti e il pubblico di studenti nei progetti divulgativi e di progettazione partecipata “Di che musica6?”, in collaborazione con il dipartimento di Educazione del Castello di Rivoli, e GAP  (gruppo d’ascolto partecipato), in collaborazione con Unitre e Officina Musicale.

«Musica e Natura» abbina pianoforte e clavicembalo in una proposta alternativa con la pianista giapponese Junko Watanabe, mentre «Sulle vette della musica» è il viaggio di Luca Guglielmi alla scoperta de «Il clavicembalo ben temperato di Bach vol II», su fortepiano originale, direttamente dalla Germania.

La musica brasiliana viene riletta in modo originale da Gabriele Mirabassi e Roberto Taufic con «Um Brasil Diferente», mentre «Corde D’acqua», con l’Orchestra Synfonica della Valle D’Aosta e Tamtando, vede protagonista Luca Mercalli in alcune riflessioni sull’ambiente.

Castalian Quartet
Castalian Quartet

Castalian Quartet e Claudio Pasceri propongono Schubert e Adès, mentre gli spazi seicenteschi della chiesa di Santa Croce accolgono il Quartetto Delfico, accompagnato dal corno naturale di Alessandro Danebian e dalla voce narrante di Paola Roman.

Per il concerto di Natale arriva il sestetto Sole Voci del Teatro Regio di Torino, con «Chanson d’amour», omaggio alla canzone d’amore nei secoli e alla musica vocale a cappella, rappresentata anche dall’ensemble vocale L’Una e Cinque. Da un’idea e produzione Rivolimusica nasce il concerto «Bandoneón per tutti», con pagine di Piazzolla e Walton eseguite dall’Orchestra Collegium Theatrum Sabaudiae diretta da Stefano Maccagno con Mario Gullo alla chitarra e Massimo Pitzianti al bandoneón; lo spirito innovativo di Rivolimusica passa anche attraverso le contaminazioni tra etnico e contemporaneo nelle esibizioni di Les Nuages Ensembles (in «Musica  Klezmer al femminile»), Quartetto Caliente («Chiamatemi Astor», Tango) e i Common Pulse percussion con Daniele Di Gregorio alle percussioni («Suite Ahead», jazz fusion).

Saskia Giorgini
Saskia Giorgini

Spazio ad alcune significative coproduzioni con il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, per sposare musica e arte e  sperimentare contaminazioni: il quartetto d’archi dei canadesi Despax è coinvolto nell’installazione musicale dell’artista serba Ana Prvački; la pianista Saskia Giorgini esegue le trascrizioni del balletto «La bella addormentata» di Čajkovskij e i preludi di A.N. Scrjabin, con un set di luci, immagini, movimenti e ombre creato dal light designer Davide Rigodanza, per la produzione di Rivolimusica.

Un’altra coproduzione, con BTT Balletto Teatro di Torino, porta sul palco il duo Solaris, formato dal violoncellista Manuel Zigante e da Giorgio Licalzi, trombettista e live electronics, in un’inedita revisione elettronica di brani da Bach al rock contemporaneo. «MATITA» è il titolo di uno spettacolo di musica e danza, con il ritmo delle matite sui fogli da disegno per scatenare improvvisazioni tra jazz/electronics e danza contemporanea.

Il 16 giugno, la Maratona concertistica nell’arena estiva del parco di Palazzo Piozzo conclude la stagione, con le produzioni degli allievi dell’Istituto Musicale e dei corsi di formazione musicale della Città di Torino.

L’ingresso ai concerti è gratuito e a pagamento, con riduzioni per gli allievi dell’Istituto e i possessori dell’abbonamento Torino Musei. È possibile acquistare l’abbonamento a 11 concerti a 65 euro. L’ abbonamento trasversale «Carnet Concerti al Castello prevede ingresso ai concerti e al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, con aperitivo a prezzo dedicato nella caffetteria del Castello. Info 011.9564408, info@istitutomusicalerivoli.it.

Marco Scarzello

View posts by Marco Scarzello
Marco Scarzello, giornalista freelance. Seguo eventi e notizie del territorio. Collaboro come addetto stampa con enti, imprese e associazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top