Istituto Musicale, si sceglie l’esternalizzazione della didattica

logo+payoff-300x150

Rivoli – Il premio per la battuta migliore va ad Andrea Maggiora, direttore artistico dell’Istituto Musicale «Giorgio Balmas»: «Voler separare la scuola dall’istituto è una scelta miope, nonostante il nostro presidente sia un ottico». È il succo del dibattito del Consiglio comunale aperto di mercoledì scorso, chiesto dalle opposizioni per discutere del futuro dei docenti e dei cinque impiegati della segreteria.

Al centro della discussione la delibera votata dal consiglio di amministrazione dell’ente, presieduto da Andrea Alberghina, di concedere in gestione, attraverso un bando pubblico, la didattica, per via, questa la motivazione, dell’impossibilità di stipulare, dal primo gennaio 2017, contratti di collaborazione coordinata e continuativa con gli attuali docenti, a seguito del Jobs Act. Una logica contestata alla radice dagli insegnanti, rappresentati da Stefano Maccagno, e dalle opposizioni che sostengono sia possibile utilizzare contratti definiti «certificati» e paventano l’abbandono di massa da parte degli allievi, rischio sottolineato anche nelle parole di alcuni genitori e ragazzi.

Il sindaco Franco Dessì

Il sindaco Franco Dessì

L’amministrazione, supportata dai pareri tecnici (in consiglio espressi dalla dirigente dei Servizi alla Persona, Gabriella Quaglia), ha però ribadito, attraverso gli interventi del sindaco Franco Dessì e dell’assessora alla Cultura Laura Ghersi, l’impossibilità di proseguire con i co.co.co e di essere perciò costretta a intraprendere una strada diversa. Dessì ha sottolineato con forza che «non si tratta di una scelta politica» ma di una necessità dettata da un «nuovo quadro normativo» e che  la soluzione si chiama «esternalizzazione per concessione» e non va confusa con una privatizzazione perché nel disciplinare di gara verranno posti dei «paletti» per garantire un «progetto culturale serio» e la «professionalità dei docenti». Il Consiglio ha dunque bocciato la mozione delle opposizioni che chiedeva di mantenere la gestione diretta dell’Istituto Musicale, anche nella parte della didattica.

A margine della riunione i battibecchi tra democratici e cinquestelle, con le file di questi ultimi rinforzate dalla presenza in sala del deputato Ivan Della Valle, anticipazione dello scontro che infiammerà le prossime elezioni amministrative.

logo+payoff-300x150

Be the first to comment on "Istituto Musicale, si sceglie l’esternalizzazione della didattica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito impiega i cookie. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Info | Close