Il Gabibbo a Ormea, non è uno scandalo

A Ormea non temono il Gabibbo, che indaga sempre sulle malefatte della pubblica amministrazione. Al contrario, lo chiamano e lo premiano. Ad Antonio Ricci, “ideologo” di Striscia la Notizia, e Lorenzo Beccati, inconfondibile voce del Gabibbo, verrà infatti attribuita, sabato 31 agosto, la cittadinanza onoraria del piccolo comune in Alta Val Tanaro. Il programma della serata è molto articolato, con aperitivo alle ore 18 alla Società Operaia, e alle 19 cena a cura della Pro Loco. È necessario prenotare (tel. 0174.392157). Seguirà la cerimonia ufficiale, con la consegna della cittadinanza “ad honorem” da parte del sindaco Benzo a Ricci e Beccati che Ormea la conoscono bene perché ci trascorrevano le vacanze già negli anni Sessanta. Sul palco salirà pure il Gabibbo, che di premi se ne intende: è l’unico pupazzo – speriamo non s’offenda – ad aver vinto il Telegatto, nel lontano 1991. Si finisce in musica, con Assenzio Band e Bye Bye Blue. Alé, bella gente!

locandinaSD

2 Comments on "Il Gabibbo a Ormea, non è uno scandalo"

  1. E invece lo scandalo c’è eccome, perché all’ultimo il Consiglio Comunale non ha approvato il conferimento della cittadinanza onoraria a Ricci e Beccati, per mancanza del numero legale. Gabibbo, pensaci tu!

  2. Il Gabibbo ha vinto! Finalmente Ricci e Beccati sono ufficialmente cittadini onorari di Ormea: il Consiglio Comunale approva, tra assenze strategiche che fanno il verso alla grande, piccola politica. Un segnale di come in Italia, a tutti i livelli, i rappresentanti del popolo siano troppo spesso più interessati ai reciproci battibecchi che ai problemi veri.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*