Etica e giornalismo

Il giornalista è sottoposto a precise regole deontologiche nell’esercizio della professione. Il testo fondamentale è la legge istitutiva dell’Ordine, la numero 69 del 3 febbraio 1963, che all’articolo 2 indica come «obbligo inderogabile» il «rispetto della verità sostanziale dei fatti» e all’articolo 48 istituisce il procedimento disciplinare per «gli iscritti all’Albo che si rendano colpevoli di fatti non conformi al decoro e alla dignità professionale».

Il nocciolo dell’etica nel giornalismo risiede dunque nella «verità sostanziale dei fatti». La Cassazione è intervenuta per definire questo concetto individuando tre elementi fondamentali:

  1. l’utilità sociale dell’informazione, ossia l’esistenza di un interesse pubblico alla conoscenza e diffusione della notizia;
  2. la verità dei fatti esposti;
  3. la «continenza formale», ovvero una narrazione limitata all’esposizione dei fatti e alla loro valutazione evitando, ad esempio sottintesi maliziosi (definiti dalla Corte «sapienti»), accostamenti suggestionanti, insinuazioni e toni scandalistici.

Codice deontologico e altri documenti

Con il successivo Codice deontologico, approvato nel 1998, è stato ulteriormente circoscritto il diritto di cronaca quando interferisce con la sfera privata e i dati sensibili, la malattia, la sessualità, la detenzione in carcere, i minori coinvolti in fatti di cronaca. Accanto a queste norme, nel corso degli anni sono stati approvati altri documenti per regolamentare aspetti specifici, come la Carta di Treviso sul rapporto tra informazione e minori, il Codice media-sport in materia di giornalismo sportivo, la Carta di Roma concernente i migranti, il Codice di autoregolamentazione dei processi in tv, la Carta dei doveri dell’informazione economica, la Carta dei doveri dei giornalisti degli uffici stampa pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top