Città e Cattedrali, porte aperte in 500 luoghi sacri in Piemonte e Valle d’Aosta

Chiesa di Santa Pelagia a TorinoChiesa di Santa Pelagia a Torino

Sabato 23 e domenica 24 settembre  si spalancano le porte di monasteri, pievi, santuari, chiese e musei diocesani in Piemonte e Valle d’Aosta, grazie al progetto «Città e Cattedrali» della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

L’evento è organizzato nell’ambito delle giornate europee del patrimonio culturale e vede all’opera oltre duemila volontari per accompagnare i visitatori alla scoperta di luoghi carichi di storia e testimonianze artistiche. « L’iniziativa “porte aperte” – sottolineano gli organizzatori –  un festival del sistema interregionale dei beni culturali ecclesiastici, è in linea con il tema “dal conflitto all’inclusione” che sta segnando, in questo anno, tutta l’attività del progetto Città e Cattedrali tra i 500 anni dalla Riforma e la celebrazione dell’anno internazionale del turismo sostenibile».

Gli affreschi nella chiesa di san Sebastiano a Giaveno

Gli affreschi nella chiesa di san Sebastiano a Giaveno

Sistema di apertura automatizzato

Per l’occasione viene avviata in due siti la sperimentazione di un sistema automatizzato delle aperture per consentire, in condizioni di sicurezza, l’accesso in assenza di personale di guardia. I beni oggetto di questo intervento sono a Giaveno, nel  Torinese, la Cappella di san Sebastiano, l’edificio religioso più antico della città, con un affresco quattro-cinquecentesco, e San Bernardo d’Aosta a Piozzo, diocesi di Mondovì, con una struttura muraria eretta alla fine del Trecento sul basamento di una torre da guardia risalente all’anno Mille.

La Certosa di Montebenedetto

La Certosa di Montebenedetto

Tra i luoghi del «porte aperte»: a Torino la Chiesa di Santa Pelagia in via San Massimo, del Settecento,  con  il concerto della pianista Valentina Lombardo alle ore 16 di sabato; a Nole il Santuario di san Vito Martire;  a Cavallermaggiore la Chiesa della Misericordia; a Villarfocchiardo le certose di Montebenedetto e Banda; a Chiomonte gli affreschi nella Cappella di Sant’Andrea;  a Susa il Convento di San Francesco;  l’abbazia di Novalesa; a Demonte la chiesa di san Donato del Trecento;  a Borgo San Dalmazzo il museo dell’abbazia San Dalmazzo di Pedona, con aperitivo gourmet nel pomeriggio di sabato (10 euro); la Cappella del Santissimo Sacramento al castello di Magliano Alfieri; ad Aosta gli affreschi nella chiesa della Collegiata dei Santi Pietro e Paolo.

Per tutte le informazioni, su orari di apertura ed eventi collaterali, consultare il sito www.cittaecattedrali.it.

Be the first to comment on "Città e Cattedrali, porte aperte in 500 luoghi sacri in Piemonte e Valle d’Aosta"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito impiega i cookie. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Info | Close