Bosconero tra un continente e l’altro

Non sono mancate le emozioni, ieri a Bosconero in Piazza Martiri della Libertà, per l’anteprima della Mostra dell’artigianato. La serata è stata presentata da Sonia Caramma e la musica jazz è stata assoluta protagonista con il sestetto composto da Massimo Gallo alla chitarra, Paola Abbate (voce), Dorino Archimede alla batteria, Gianluigi Corvaglia al sax, Max Giusio al piano, Stefano Profeta al contrabbasso, e con la partecipazione del giovanissimo trombettista Cesare Mecca.

Brani come Fly me to the moon e Night and Day – ma anche Quando Quando Quando – hanno lanciato il collegamento con i bosconeresi d’oltreoceano, pronipoti dei concittadini emigrati a inizio Novecento, attraverso la diretta streaming su Direttamente.tv e le videochiamate con la California e l’Argentina. In un istante le distanze sono sparite ed è stato possibile l’abbraccio, seppure virtuale, di un’intera comunità. Un calore intenso, rafforzato magia dello spettacolo di Losna Fire, tra fiammate, corde infuocate, lanterne, ventagli, con un’atmosfera misteriosa che ha incantato il pubblico.

DSCF6676SD

Be the first to comment on "Bosconero tra un continente e l’altro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*